Investe 20mila euro con un sedicente broker on line, ma al momento di riscuotere la somma soldi e sito spariscono

Io mi tutelo News • 25 marzo 2019

titolo foto ( se non serve cancellare)

E’ successo nei giorni scorsi in Valbelluna e il caso è già nelle mani della nostra associazione. Ma è molto probabile che vi siano altre vittime. L’approccio avviene con una semplice telefonata. A proporre l’investimento ad alti tassi di rendimento è un operatore che si qualifica come broker della CMB Capital Markets Bank con sede a Londra ed espone le modalità e gli obiettivi dell’operazione.

Si comincia con un bonifico di 250 euro e all’inizio tutto sembra andare per il meglio, con l’accredito degli interessi promessi. L’investitore quindi è invogliato a procedere con ulteriori bonifici per incrementare la rendita. Ma i problemi iniziano quando si cerca di rientrare in possesso della somma investita. Il denaro è vincolato, è la prima risposta che dà il call center. E se uno decide comunque di procedere chiedendo la restituzione di parte o dell’intero capitale versato, scatta la penale. Una somma assurda, su 20mila euro investiti la penale richiesta è di 6mila. E quand’anche uno fosse disposto a perdere 6mila euro pur di salvare il salvabile è già troppo tardi. Perché è a questo punto che crolla il palco. Il sito di riferimento sparisce e insieme a lui se ne vanno i soldi investiti. Anche il telefono tace per sempre.

“La vittima della truffa – racconta Andrea Brumurelli – fondatore dell’associazione a difesa dei consumatori Io mi tutelo con sede in Feltre – si è rivolto a noi. Abbiamo sentito il nostro legale e indagato sul caso, che non è l’unico nel Bellunese e quindi cerchiamo di fare un’azione comune se vi sono altre vittime. Da una prima nostra analisi risulta che la Capital Bank Markets risulta già destinataria di due provvedimenti restrittivi della Consob del 7 marzo e del 12 giugno 2018 nei quali si dichiarava che il soggetto non era abilitato alla prestazione di servizio di investimento nei confronti del pubblico italiano. Non è un broker abilitato, insomma. Ma c’è di più. Anche la sede dichiarata in Joshua Consulting ltd Office 7, 35-37 Ludgate Hill, a Londra sembra sia fittizia, perché il sito pare abbia sede in Roseau nell’isola dei Caraibi, noto paradiso fiscale”.
“Il consiglio, dunque – conclude Brumurelli – è quello di stare alla larga da proposte alettanti d’investimento provenienti da call center con richiesta di bonifici su conti esteri”

PARLA CON L’UFFICIO STAMPA